Benvenuti alla Cerimonia del Tè

Crediamo che la parola Ospitare sia bellissima.

Accogliere gli ospiti e invitarli a entrare in casa propria è un gesto di gentilezza, educazione, ma anche di solidarietà, vicinanza e compassione..

In italiano la parola ospite è usata sia per indicare la persona che accoglie sia quella che entra nella casa.
La parola ospite infatti deriva dal latino hospes, che aveva già il doppio significato di ‘colui che ospita, albergatore’ e di ‘colui che è ospitato, forestiero’.

Il significato deriva da un contesto storico e culturale in cui i rapporti che si instauravano tra chi accoglieva e chi era accolto erano così stretti e vincolanti da generare un rapporto di reciprocità, un patto di ospitalità profondo e sacro che rendeva i due ruoli di ospitante e ospitato intercambiabili, tanto da essere identificati dallo stesso termine. Come dicevano i Greci: “L’ospite che bussa alla nostra porta potrebbe essere Zeus sotto mentite spoglie”.

L’associazione Questa è Empoli si fa ospite presso la propria sede di Via Lavagnini 26 di un rito antichissimo per darvi il Benvenuto:

the marocchino_banner facebook-01

La Cerimonia del tè

Il tè è una bevanda conosciuta in tutto il mondo, sopratutto per le cerimonie di preparazione che si svolgono in Asia e che si caricano di valore religioso e simbolico. Non molti sanno però che anche in Marocco il tè è protagonista di una cerimonia piuttosto importante. La cerimonia in Marocco prende il nome di Atay Naa Naa e rappresenta l’espressione più raffinata dell’ ospitalità.

L’ospite assaggia e zucchera direttamente la tazza e aggiunge una menta fresca marocchina chiamata Naa Naa. Le tazze vengono preparate due alla volta e, in ognuna, il padrone di casa mette un pizzico di tè verde e aggiunge una tazza di acqua bollente.

Dopodiché versa in un bicchiere che tiene da parte quella che viene chiamata “l’anima” del tè” , in arabo “errouh“, e versa di nuovo acqua bollente nella teiera risciacquando rapidamente le foglie per eliminare l’amaro. Il tè viene lasciato in infusione per qualche minuto, dopodiché si agita il tutto e lo si versa nuovamente nella teiera. La spettacolarità risiede nel fatto che il tè viene versato da una altezza di 40 cm e viene poi servito con frutta secca.

+ Mini corso di Arabo: le parole del benvenuto e dell’ospitalità
+ Cooking show: Come si prepara la frutta secca per accompagnare il tè.

Venerdì 31 Gennaio 2020 ore 18
presso la sede di Questa è Empoli
Via Lavagnini 26